Il futuro del cervello

j10306

Dal libro The Future of the Brain di Gary Marcus e Jeremy Freeman che raccoglie una serie di saggi scritti da influenti neuroscienzati, un estratto che fa riflettere:

Da un punto di vista più personale che scientifico, la cosa più importante che ho imparato consiste nel diffidare dagli sprechi di tempo e di denaro, consiste nel non farsi prendere la mano dalla tecnologia e infine siate sospettosi delle “iniziative”. La scienza dovrebbe essere guidata dagli interrogativi generati dalla ricerca e dalle analisi approfondite piuttosto che da iniziative dall’alto [governative, ndr]. Ho anche imparato ad essere sospettoso degli slogan tipo “E’ il decennio di” qualsiasi cosa:  il Cervello, la Mente, la Coscienza [ad esempio vedi qui, ndr]. Non ci dovrebbero essere limiti alla scoperta. Veramente qualcuno crede che questi fenomeni complessi e non lineari saranno risolti in dieci o anche in cento anni? Aspettative temporali così strette possono danneggiare le importanti, graduali e apparentemente piccole scoperte che gli scienziati compiono ogni giorno nelle loro ricerche di base non imposte. Le scoperte scientifiche di base sono sempre state alla base del progresso clinico. Sicuramente vale la pena sovvenzionare le grandi questioni [big questions] e lo sviluppo di tecnologia innovativa, ma il processo dovrebbe essere dettato dagli scienziati e dalla scienza.

link al libro su Amazon

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...