Il Cervello Nascosto

Quando pensiamo al cervello viene subito in mente l’immagine di una enorme noce costituita da grigi neuroni, trafficata dai pensieri e alle volte inondata dalle emozioni. Eppure l’85% delle cellule che costituiscono la massa cerebrale è costituita da glia, una classe di cellule distinte dai neuroni e che è composta soprattuto da astrociti, oligodentrociti, cellule ependimali e glia radiali. Una maggioranza schiacciante che secondo gli studi accademici ha funzioni meno ambiziose dei nostri pensieri, deputati come sono a sorreggere la struttura neuronale, a nutrirla e a spazzare via i rifiuti metabolici. Un po’ il lavoro di una equipe di domestiche.

Recenti studi rivelano insospettabili funzioni delle cellule glia. Gli astrociti ad esempio regolano i livelli di glutammato, uno dei più diffusi neurotrasmettitori del sistema nervoso che ad alte concentrazioni ha effetti tossici sul tessuto cerebrale, prevenendo dunque il rischio di una degenerazione del cervello. Recenti scoperte dimostrano poi che le glia non solo spazzano via i neurotrasmettitori che non servono più, ma rispondono ad essi, persino li producono. Al punto che oggi si comincia a parlare di “sinapsi tripartita” (la sinapsi è la zona di intercomunicazione tra i neuroni): il neurone presinaptico, il neurone post sinaptico e la cellula glia.

Le cellule glia hanno pure un loro network di comunicazione differente dalle ramificazioni neuronali e diversamente dai neuroni che comunicano fra loro con segnali elettrochimici, le glia sono interconnesse con “pontili” diretti tra varchi intercellulari, membrane tra vicini bordi su ineffabili varchi (a quelle dimensioni ci sono spaventosi spazi). Lungo questo circuito spaziale si registrano “onde” improvvise di trasmettitori di calcio, la cui funzione è a tutt’oggi ignota. Un altro cervello che i libri universitari spesso un po’ trascurano e i neuroscienziati in genere sottovalutano. Non a caso esiste la neuro-scienza che predilige i neuroni. Anche i cosmologi ipotizzano un universo di antimateria sconosciuta. Una parte oscura che sostiene le poche conoscenze che abbiamo e su cui fondare una cauta scienza.

Annunci

Un pensiero su “Il Cervello Nascosto

  1. Pingback: Il peso dell'Autismo nel 2011 | Neuromancer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...