Connessioni Telepatiche tra Scienza e Psicologia

Seguo con un certo interesse lo sviluppo tecnologico che permette di saltare i tragici ostacoli a quei pazienti letteralmente sepolti nel loro corpo a causa di traumi alla spina dorsale o a tutta una serie di malattie neuromuscolari. In questo video potete osservare il primo paziente a cui è stato impiantato un dispositivo che trasmette ad un pc l’intenzione di spostare il puntatore del mouse sullo schermo, senza toccarlo. Il dispositivo fa parte del sistema BrainGate di Intefaccia Neuronale il cui scopo principale è quello di aiutare i pazienti disabili a comunicare e a svolgere attività quotidiane letteralmente attraverso il pensiero.

Sostanzialmente dei filamenti d’oro sottili come i capelli sono connessi ai neuroni della corteccia motoria del cervello. Essi sono collegati a un dispositivo di silicio connesso con un “piedistallo” attaccato alla base del cranio. Proprio da questo piedistallo vengono mandati i segnali ad un computer che è programmato per tradurli in comandi. Ne deriva che è possibile muovere il puntatore sullo schermo facendo muovere le dita della mano immaginata che sta spostando il mouse.
A capo di questo gruppo di ricerca c’è il Dr. John Donoghue della Brown University, che è anche il capo dei Cyberkinetics, e il Dr. Leigh Hochberg del Massachusetts General Hospital. Dal 2009 hanno cominciato le prove cliniche per comprendere come interpretare i segnali della corteccia motoria per sviluppare la capacità di spostarsi telepaticamente con la sedia a rotelle e realizzare progetti che riguardano il controllo del respiro, della vescica e dell’intestino. Attualmente il progetto cerca di innestare nella scatola cranica un dispositivo wireless che possa sostituire i collegamenti fisici e consentire un flusso di informazione in e out tra cervello e computer per l’uso di strutture protesiche, per il controllo degli organi interni, per interagire con macchine o robot, per studiare i livelli di coscienza o le attivazioni emotive.


Questo tipo di ricerche impressionano per la velocità in cui trasformano in realtà scenari fantascientifici che poco tempo prima intrigavano le letture di genere. D’altra parte esiste una corrente di pensiero proiettata nel quantificare in termini strettamente materialistici l’attività del pensiero. Vale a dire, è possibile creare modelli dell’attività del cervello umano che rappresentano punto per punto la mente umana, così che potremmo non solo osservare con sofisticate tecnologie nel minimo dettaglio dove pensiamo, soffriamo, ci emozioniamo, ricordiamo, decidiamo, creiamo, sognamo, ma anche intervenire scrivendoci sopra. Non solo leggere il cd, ma anche masterizzarlo.
Certo, far riferimento al materialismo suona scandaloso, perché presuppone una visione riduzionistica della mente tale da apparire un esangue epifenomeno. D’altro canto, non dimentichiamo il fatto che la ricerca non pone mai verità, ma spesso contraddizioni. Non è tanto il pensiero che muove il puntatore del mouse quanto i segnali elettrici che vengono traslati con un altro supporto al pc. Operazioni possibili in situazioni limite, disabilità acquisite o innate, appunto in cui interrogarsi su res cogitans e res extensa ha un valore poco più che speculativo, ancorché consenta ai pazienti una vita più vicina all’umanità piuttosto che oltre umana. Qualora avvenisse di mettere all’opera oltre i limiti, nella vita di tutti i giorni, congegni capaci di controllare, spostare, comunicare, interagire, a prescindere dal corpo di carne, dovremo fare i conti con una storia che non ha più nulla di fantascientifico, ma psicologica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...