Realtà Contrapposte e Noi in Mezzo

Interessante riflessione di Ostellino sul corriere:

“…Abbiamo una destra populista, una sinistra impopolare e una classe dirigente familista. La destra è incarnata da un uomo insofferente alle idee degli altri che, forte del proprio carisma elettorale, interpreta il proprio ruolo in chiave monopolista, mentre avremmo bisogno di una destra «pluralista». La sinistra, pur non essendo più comunista, è rimasta l’ elitaria «avanguardia», in senso marxista-leninista, che sa quale è il Bene dei cittadini, mentre avremmo bisogno di una sinistra «aperta»…”



Pluralismo e apertura appartengono tipicamente ad un atteggiamento critico anzichè dogmatico. Ma nella realtà delle cose, quelle imperfette, casuali e senza senso, nulla sfugge al fatto che in fondo gli scienziati sono matti e il resto è letteratura.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...